Oggi è Domenica, 29 Mar 2020
Sei nella sezione :     Home Liturgia Liturgia SANTISSIMO CORPO E SANGUE DI CRISTO (ANNO C)
SANTISSIMO CORPO E SANGUE DI CRISTO (ANNO C) PDF Stampa E-mail
Scritto da CM   

Share

DOMENICA DEL SANTISSIMO CORPO E SANGUE DI CRISTO (ANNO C)

Video Vangelo: Corpus Domini (C)

Riflessione Vangelo: Corpus Domini

VANGELO (Lc 9,11-17)

Tutti mangiarono a sazietà.

+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù prese a parlare alle folle del regno di Dio e a guarire quanti avevano bisogno di cure.Il giorno cominciava a declinare e i Dodici gli si avvicinarono dicendo: «Congeda la folla perché vada nei villaggi e nelle campagne dei dintorni, per alloggiare e trovare cibo: qui siamo in una zona deserta».Gesù disse loro: «Voi stessi date loro da mangiare». Ma essi risposero: «Non abbiamo che cinque pani e due pesci, a meno che non andiamo noi a comprare viveri per tutta questa gente». C’erano infatti circa cinquemila uomini. Egli disse ai suoi discepoli: «Fateli sedere a gruppi di cinquanta circa». Fecero così e li fecero sedere tutti quanti.Egli prese i cinque pani e i due pesci, alzò gli occhi al cielo, recitò su di essi la benedizione, li spezzò e li dava ai discepoli perché li distribuissero alla folla.Tutti mangiarono a sazietà e furono portati via i pezzi loro avanzati: dodici ceste.

Parola del Signore

Commento di don Andrea Lauriola

Oggi la liturgia focalizza la sua attenzione su ciò che accade ogni domenica, in ogni messa. Il Corpo e il Sangue di Cristo, il più grande e più frequente miracolo!
Cosa ne sappiamo? Cosa pensiamo, dove si ferma la nostra attenzione quando pensiamo all’Eucaristia?
L’Eucaristia ci aiuta a rendere la nostra fede molto concreta.
Corpo e Sangue ci fa pensare a quella vita donata, a quel corpo offerto, a quel sangue versato, a quella voce che fino alla fine dice “amore, misericordia, perdono”.
L’Eucaristia, un rito che ci fa tuffare in una storia, un bacio con Colui che non smette di amarci, un dialogo con un Dio che non ci sta di fronte ma ci abita dentro.

Nella sequenza “Lauda Sion”, l’invocazione che viene fatta quest’oggi prima del Vangelo, ci rivolgiamo con queste parole a Gesù: “tu che tutto sai e puoi”. Ah, se ci credessimo davvero potremmo davvero abbandonarci fiduciosamente a Lui e sentire che Lui che può tutto, ci fa trovare tutto il necessario per vivere nella pinenezza della gioia.


Oggi poi abbiamo la grande occasione per rendere grazie a Dio insieme a tutta la famiglia dei figli di Dio in comunione con papa Francesco. Dalle 17 alle 18 vivremo un momento di adorazione in contemporanea mondiale. Non mancate

Buona domenica del Corpus Domini.